- LA LETTERA DI PAOLO -


Caro Paolo,

siamo ormai nel 2000, hai quasi 40 anni e gli anni passano veloci. Ti sei convinto di voler metter su famiglia con Letizia? O pensi di continuare così: molto lavoro, qualche viaggio, i vostri momenti insieme. E che altro?
Sì certo che lo voglio, che lo vogliamo. E’ Letizia che ne parla apertamente per prima e io sposo subito la sua proposta. Adottiamo un bambino. Uno, non più di uno perché dobbiamo renderci conto se siamo capaci. Di accoglierlo, di dargli il nostro amore e di diventare insieme una famiglia.
E poi? E poi è tutto così veloce… il 22 settembre del 2002 in Colombia a Ibaguè incontriamo Julian Felipe, 5 anni. Ed è un big bang, un’esplosione di vita che mi (ci) investe e mi (ci) trasforma. Non so più se scrivere in prima persona o in prima … famiglia! Io non sono più quello di prima. Sono più forte, più sensibile, più fragile. E forse anche più bello. Sì. Me lo dice Juli e io gli credo ciecamente. Lui è fantastico. E’ lui che ci dice come fare i genitori se abbiamo qualche dubbio.
Poi va beh. Arrivano i problemi e sono tanti. Ma che bello avere questi problemi!
E’ così bello che ne vogliamo altri di problemi così. Si vogliamo, e questa volta lo vogliamo tutti e tre, la sorellina!
E iniziamo di nuovo tutto il cinema, ma questa volta non è veloce. Anzi. Il momento non arriva mai. Gli anni passano ma … quando arriva Angie? Si perché lei è Angie Vanesa. Ci ha fatto aspettare 4 anni – beh non è colpa sua poverina – ma alla fine il 28 ottobre del 2009, ancora in Colombia, a Bogotà questa volta, la incontriamo. E guarda il caso: quel giorno è anche il compleanno di Juli. Figuriamoci, il modo ideale per scatenare da subito una vera gelosia tra fratello e sorella!
Questa seconda volta mi sembra tutto più difficile. Angie ha quasi 6 anni ma mi sembra così piccola, così fragile. E la sua fragilità me la sento addosso. La prima notte accanto a lei piango tutte le mie lacrime di uomo debole e inadeguato ad affrontare una nuova prova così impegnativa. Ma è un attimo. Poi è la vita che vince di nuovo e questa seconda volta in Colombia è bellissima, è il periodo della mia vita più bello e più intenso. (Quasi) due mesi che vorrei rivivere e rivivere e rivivere in un loop infinito.
Angie è così diversa da Juli, chiusa e impaurita all’inizio ma determinata a trovarsi il suo spazio. Così determinata che oggi, dopo 5 anni, con la sua forza, la sua voglia, la sua gioia si è messa al centro della famiglia e noi siamo tutti li a girarle intorno. Beh non proprio, sto esagerando, ma quanta strada hai fatto mia piccola Angie!
E insomma Paolo eccoti qua. Sono passati 15 anni da quei giorni in cui tu e Letizia avete deciso e … che bella storia! Te la saresti mai immaginata?